Venerdì, 17 Giugno 2016 02:00

Democrazia

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Vi riporto un documento che risale addirittura al 461 a.C., quando Pericle espose agli ateniesi la sua idea di Democrazia.
Da allora quella parola è rimasta solo una parola che , come tantissime altre, è stata sfruttata unicamente per "guidare il popolo" a favore di ben altri prinicipi. Un esempio lampante è la politica degli Stati Uniti che in nome della Democrazia , giustifica ogni tipo di guerra atta a ben altri scopi. Bene,  questo è IMPERIALISMO e non ha nulla a che fare con la DEMOCRAZIA. Mettetevelo in testa e riflettete quando sentite questa parola in TV o la leggete sui giornali. Decontestualizzatela e focalizzatevi sul significato reale e non sul contesto manipolato che ci gira intorno.
E non lo dico io , lo dice il dizionario :


IMPERIALISMO : Politica di acquisizione di nuovi territori, condotta con campagne militari
DEMOCRAZIA :   Concezione politica fondata sui principi della sovranità popolare, dell'uguaglianza giuridica dei cittadini, dell'attribuzione di diritti e doveri sanciti dalla costituzione, della separazione e indipendenza dei poteri.

Mi pare evidente la differenza : si fa Imperialismo in nome della Democrazia .Ma oggi l'evidenza del diritto è chiamata anarchia. (altra parola imbastardita dai media che prenderò in esame prossimamente). Le parole oggi violentate sono tante.

Detto questo , mi pacerebbe che porgiate attenzione alle parole di Pericle che ,da un lato mi fan sperare ancora che ci sia qualcosa di buono nell'uomo, dall'altro è benzina per la mia misantropia "forzata" di oggi. Mi chiedo anche a cosa possa servire essere qui a scrivere e a far luce su cose e concetti che io reputo di estrema importanza, se davvero c'è qualcuno che legge e poi trasmette questo tipo di messaggio o se si limita come sempre a dire "è vero, ora è tutto uno schifo" tornando poi a percorrere la strada più semplice, quella non asfaltata da noi, ma quella che ci han fatto trovare. Si , perchè la Democrazia non è cosa semplice quando manca il buon senso e la giusta dose di intelligenza e preferiamo quindi essere bestie....con tutto il rispetto per le bestie del regno animale ,ma io sarò sempre per la strada giusta ,non per la più semplice. Se poi coincidono, meglio ancora. 


Pericle - Discorso agli Ateniesi, 461 a.C. 
Tratto da Tucidide, Storie, II, 34-36

"Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia.
Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute privatema noi non ignoriamo mai i meriti dell'eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.
La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l'uno dell'altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo. Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private. (FT: chissà se al Governo sanno di questa frase...chissà se sanno di Pericle).

Qui ad Atene noi facciamo così.
Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell'universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.
Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia. Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore. Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell'Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versalità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così."

E noi nel 2016 come facciamo? Dove sono queste persone oggi? Dove sono quelle parole? Che fine ha fatto la coscienza collettiva? Vi rendete conto che sarebbe l'unico modo reale per differenziarci da qualsiasi forma di vita priva di intelletto? Non vi sembra che ci sia stata una INVOLUZIONE sociale? Quando parliamo di terzo mondo, lo calcoliamo unicamente dal punto di vista economico, ma ,mai da quello sociale.E i diritti dell'uomo? Abbiamo bisogno di una carta dei diritti da rispettare (e manco lo facciamo . Allora perchè scriverla??) senza la quale non siamo in grado di gestirci, possibile? Dov'è l'evoluzione intellettuale? Abbiamo bisogno di leggi per vivere? Davvero non riusciamo a farlo secondo nostra coscienza? Si, l'uomo è proprio un animale intelligente.

ALBERT EINSTEIN : "Due cose sono infinite : l'Universo e la stupidità umana, ma riguardo l' Universo , ho ancora dei dubbi."


Letto 458 volte

Lascia un commento