Giovedì, 04 Febbraio 2016 01:00

Tirannosauro

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

PRODUZIONE : Inghilterra
REGIA    : Peter Mullan
GENERE : Drammatico
ANNO     : 2011

Joseph è un pensionato, depresso , alcolizzato e fortemente autolesionista che in un attimo di ira uccide il suo cane, Hannah è una donna che gestisce un piccolo negozio ed sorretta da una forte fede, James è il marito di Hannah ,completamente plagiato dal suo credo , picchia la moglie. Sono tre vite autolesioniste le loro, tre realtà lontane ,ma vicinissime, ognuna sorretta dall'equilibrio delle minacce . Joseph cova una fortissima rabbia che lo porta ad una misantropia autodistruttiva, Hannah è una donna che si aggrappa a dio per sorreggere un marito violento e James che trova nella fede la giustificazione alla violenza. Le storie dei tre si intrecciano in una realtà nella quale si muovono personaggi come il figlio del vicino di Joseph, Samuel. Il bambino è l'unica luce nella vita del pensionato, l'unica con la quale parla e sembra capirlo, il bambino è quel che rimane di umano in lui. Joseph e Hannah tentano silenziosamente di dar vita ad un nuovo inizio dopo un passato che ha distrutto le loro personalità , ma questo inizio è appena accennato, c'è il sentore della volontà ,ma non prende mai forma definitiva. I due sono costretti, fermi nelle loro paure , rabbiosi e isolati in un mondo ormai distorto. Il tentativo avviene , ci sarà uno degli abbracci più emotivi che abbia visto e una Olivia Colman (Hannah) struggente nell'interpretare il momento del crollo della donna , da brividi come rappresenta il dolore della solitudine , il suo volto appassisce in linee di tormento all'apice della disperazione. Occhio lucido. "Tirannosauro" , nonostante l'impegno del film, scorre via retto da una tensione continua, velata che induce a voler anticipare gli eventi, la fotografia è sensibile, sostituisce interi dialoghi (fateci caso, fermatevi ad osservare i fotogrammi delle pause) , sono questi i piccoli fattori che danno spessore ad una pellicola. In quelle riprese c'è l'intenzione a voler comunicare realtà che esistono perchè è così. Esistono, che lo si voglia o no.

Tirannosauro il Sundace Film Festiva, il British Independent Film Awards, Satellite Awards per miglior Film, Attrice, debutto Registico.

IN BREVE
Considine dimostra una profonda sensibilità nel dipingere un quadro di solitudini e paure , costrette a vivere in una realtà tesa e misantropa. Due interpretazioni magistrali , una regia studiatissima, un film che ritrae rabbia e dolore con delicata brutalità.

Letto 590 volte

Lascia un commento

Contatore

Archivio

Collaboratori