Venerdì, 11 Marzo 2016 01:00

Christophe Bec

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

NOME    : Christophe Bec
GENERE : Sceneggiatore Fumetti Fantascienza
PAESE   : Francia

L'arte del Fumetto è un 'arte immensa, dalle potenzialità infinite. E' forse il mezzo di comunicazione più completo e immersivo nell'ambito artistico. A differenza di altre forme espressive, che per essere colte devono essere assimilati da una propria e soggettiva sensibilità, il Fumetto riesce ad essere una summa del tutto. Non si tratta solo di immagini e disegnini per bambini (tipico atteggiamento di un paese retrograde) , ma parliamo di una equipe di persone che nulla ha di che invidiare alle grosse produzioni hollywoodiane. Esiste una regia ben studiata, i tagli delle tavole non si differenziano di molto dalla scelta delle inquadrature su pellicola, i dialoghi sono spesso congegnati meglio , con più spessore e profondità. Il profilo dei personaggi è una vera e propria sfida, fare in modo che "ci si affezioni", creare un legame diretto tra il lettore ed il protagonista , la scelta dei colori, le ombre che enfatizzano le espressioni. Il fumetto , insomma, , deve tener conto di una serie di scelte infinite che solo i grandi artisti riescono a gestire armoniosamente. Uno fra tutti, nell'ambito europeo, è sicuramente Christophe Bec , francese di nascita e divenuto un vero e proprio riferimento nel mondo della nona arte. In Francia il fumetto è ritenuta arte sofisticata, lo sceneggiatore è messo alla stessa stregua dei pluri pagati attori di Hollywood e l'attesa creata all'uscita di una nuova pubblicazione ,sfocia in veri e propri festival dell'arte e Christophe Bec è riuscito in un arco di tempo relativamente breve, parliamo di 25 anni, a realizzare una serie di Graphic Novel di altissimo livello che gli hanno aperto le porte al grande pubblico. La consacrazione avviene tra il 2001 ed il 2004 con "Santuario" , edito in italia da Mondadori nel 2014 nella pregevolissima collana Fantastica, opera divisa in tre capitoli dalla trama serrata e coinvolgente in un mix di fantascienza dal finale riflessivo. Ma Bec è uno di quelli prolifici a getto continuo e la "fama" ottenuta da "Santuario" gli permette di stringere diverse collaborazioni con i più blasonati disegnatori provenienti da tutte le parti del mondo. La capacità di Bec è fondamentalmente il saper narrare, il saper creare pathos e stimolare la curiosità del lettore trasportandolo tra discorsi mai casuali e sottotrame ben mirate. Lo dimostra in "Tenebre" , sempre edito in italia dalla Mondadori, che lo vede cimentarsi in un genere molto differente ( parliamo di Fantasy in questo caso) , progetto nato per essere letto fondamentalmente da un pubblico più giovane, è invece stato ben criticato da una ben più vasta schiera di fans. Le ambientazioni nelle opere di Bec, son sempre enormi, buie, atte a far apparire l'uomo sempre piccolo e impotente difronte alla magnificenza della natura, lo vediamo in "Santuario" nelle tetre profondità degli abissi, in "Bunker nelle immense distese di ghiaccio che circondano il rifugio , ambientazioni dalle quali ripararsi in ambienti opposti, chiusi, opprimenti nei quali l'uomo riesce a tenere più sotto controllo la situazione. 
Ma Bec va oltre e sceneggia "Prometeus" opera mastodontica di ben cinque volumi che racconta la catastrofe del pianeta terra dopo una serie di eventi inspiegabili. C'è voluto parecchio tempo perchè riuscisse a concluderla visto le diverse narrazioni all'interno della principale ,ma Bec si è letteralmente ritirato per diversi mesi per chiudere con coerenza il tutto. Al momento non ho letto l'ultimo volume...non è ancora uscito.
Se però mi dovessero chiedere la sua opera migliore, mi sentirei di dire "Pandemonium" senza ombra di dubbio. "Pandemonium" non è solo la sua migliore opera, "Pandemonium" è un capolavoro che va molto al di la del significato di fumetto stesso. E' un opera che stupisce per sensibilità e profondità narrativa, il legame che riesce a instaurare con i protagonisti è reale. Bec scrive una storia basata su fatti realmente accaduti, una storia che fa male ,diversissima dai giochi di fantasia che caratterizzano tutta la sua produzione, una storia da non dimenticare . Con Pandemonium Bec si completa dimostrando una sensibilità ed una capacità tecnica nel gestire la regia, non comune a tutti. 

Christophe Bec è un artista da scoprire ,la maturità espressiva e la capacità comunicativa che emerge dalle sue opere è di indiscutibile valore. Se avete voglia di trascorrere un po ore con la TV spenta , dedicatevi a questa lettura , soffermatevi ad osservare i dettagli dei disegni che si snodano attraverso dialoghi mai casuali , osservate le espressioni dei volti, i giochi di luce, pensate che lavoro c'è dietro , alle capacità di chi ha realizzato l'idea. Nelle opere di Bec io vedo questo, vedo la passione di un ragazzo che è riuscito con il disegno a comunicare , emozionare , divertire ,riflettere e commuovere. Vi sembra poco?

 

LETTURE CONSIGLIATE

 
Pandemonium
Santuario
Prometeo
Bunker
Tenebre
Zero Assoluto

Letto 1289 volte

Lascia un commento

Contatore

Archivio

Collaboratori