Sabato, 02 Aprile 2016 02:00

Battaglia

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

TITOLO  : Battaglia
AUTORI : Roberto Recchioni - Leomacs
GENERE : Horror - Noir
ANNO    : 2015
PAESE   : Italia

Negli ultimi anni la Bonelli ha cambiato diverse cose al suo interno e lo ha fatto puntando molto su Roberto Recchioni a cui sono state affidate diverse testate e interi nuovi progetti come nel caso di "Orfani". In questo caso però si parla di "Pietro Battaglia", personaggio creato da lui e Leomacs (disegnatore di Tex)  una ventina di anni fa circa e oggi  riproposto dall'Editoriale Cosmo che , nel giro di un arco di tempo davvero breve, ha iniziato a pubblicare un numero impressionante di testate per lo più di casa francese. Dopo aver ristampato le prime storie di questo carismatico personaggio, Cosmo pubblica una nuova miniserie di quattro albi a mio avviso geniali :"La Figlia del Capo","Muro di Piombo", "La Lunga Notte della Reupubblica" e "Sodoma" che vedono Pietro Battaglia ripercorre le tappe più importanti e nere della storia della politica italiana. Ma chi è Pietro Battaglia? Il nome non è casuale e se andate a cercare qua e la in rete, capirete che è un nostro politico realmente esistito negli anni dell'Italia delle Brigate Rosse e della DC ed è proprio questa contestualizzazione storica a far di "Battaglia" un fumetto interessante e divertente. Recchioni non lascia nulla al caso ( non lo fa mai ) a partire dal comparto puramente grafico, il formato 12x17 che ricorda "Diabolik" e i primi fumetti di quegli anni, i fonts usati , i colori, le copertine con espliciti riferimenti storici. Vedremo quindi il nostro protagonista vivere nell'Italia di Mussolini in "la Figlia del Capo", il caso Ustica in "Il Muro di Piombo", il sequestro di Aldo Moro in "La lunga notte della Repubblica" e infine sarà la camorra a far da sfondo in "Sodoma". 
Un altro punto degno di merito è che il fumetto è divertente. Ma tanto. Battaglia ripercorre si la storia italiana, ma ripercorre alla "Bastardi senza Gloria" di Q. Tarantino, ovvero "come avremmo probabilmente voluto che fossero andate le cose". Pietro Battaglia è mosso dalla vendetta , quella "giusta", quella nutrita dai torti , dalle cospirazioni dei pochi che vivono sulle ossa dei molti, la storia che tutti conosciamo , la storia di Ustica, Falcone, Moro e tanti altri che ci hanno provato davvero a cambiare le cose. Battaglia è la summa di tutta la giustizia ostacolata.  Si, c'è un certo gusto nella lettura. 
Il giusto merito va anche a Leomacs che riesce con i disegni ad ascoltare egregiamente le intenzioni della mini-collana , il tratto è secco , richiama i fumetti dell'epoca, contrasti forti , è bianco o è nero, spigolosi e noir e sposandosi con i dialoghi sempre secchi e "pratici". Un albo si legge si e no in venti minuti, sono rapidi e intensi e, credetemi , a fine albo avrete solo voglia di volerne ancora e ancora e ancora........
Dimenticavo..Battaglia, lui....è un vampiro.

 

IN BREVE
Battaglia è un fumetto che soddisfa da ogni punto di vista, l'idea di creare un personaggio carismatico e di ripercorrere le tappe più drammatiche della storia della nostra politica in chiave "alternativa" è sfruttata genialmente grazie ad un comparto grafico ben studiato e ad un sceneggiatura istantanea e secca riassunta nelle tavole di Leomacs in perfetta armonia con il contesto storico a cui si fa rifermento.

Letto 810 volte

Lascia un commento

Contatore

Archivio

Collaboratori